sabato 26 maggio 2007

Corna in ufficio, allattami o ti denuncio

Un problema che accomuna tutto il mondo sembra essere la convivenza di uomini e donne nello stesso ufficio, ed è interessante andare a vedere come viene affrontato nelle diverse culture. Notizia che gira molto in rete è la fatwa egiziana in cui il capo della sezione “Diritto Islamico” della moschea al Azhar del Cairo - il punto di riferimento più autorevole dell’Islam Sunnita - prescrive ai propri fedeli di superare il problema permettendo ai colleghi di ufficio uomini di bere, cinque volte al dì, del latte della collega donna. E non è una provocazione, ma una prescrizione talmente seria da essere stata discussa dal parlamento egiziano, creando forti tensioni all'interno degli schieramenti. Meno noto è che d'altra parte, negli Stati Uniti, pare siano sempre più diffusi dei "Patti d'Amore", veri e propri contratti che impegnano gli interessati, protagonisti di relazioni amorose sui luoghi di lavoro, ad attenersi a clausole precise tese alla salvaguardia della produttività aziendale ed a evitare imbarazzi negli uffici e trai collaboratori. In tutti e due i casi è evidente lo sforzo di arginare, con gli strumenti che si hanno a disposizione, con le leggi e con i contratti, la potenzialmente distruttiva energia delle passioni umane, il motore più potente che governa tra l'altro la sopravvivenza della specie.
Nel caso della soluzione islamica il principio è basato su un racconto presente nel Corano; Maometto suggerisce ad una donna, che si stava lamentando per la presenza nella casa di uno schiavo appena uscito dalla pubertà e che le creava fastidi pruriginosi, di allattarlo cinque volte al giorno con il proprio latte (pare da una ciotola) in modo tale che le pulsioni fisiche si trasformassero in affetto materno, e che quindi si fosse scongiurata ogni altra eventuale tensione. Il successo ottenuto nel sacro racconto ha spinto Izzat Attia, capo giurista islamico, a firmare la fatwa che vorrebbe tramutare in incesto (e quindi tabù) ogni rapporto sessuale del collega con la donna che gli fornisse il latte del proprio seno (solo se cinque volte al giorno però). Come se Il Creatore, volendolo impegnare in simili noiose cronachette rosa, considerasse nei suoi giudizi anche di questi cavilli legali e procedurali. Il fatto che personaggi che hanno influenza su milioni di persone possano produrre questi concetti, è indice di come questa gente sia ancora nel loro medioevo, e non pone limite alle assurdità che potrebbero proclamare in futuro, o che avranno già proclamato in passato, con conseguenze meno ridicole di capiufficio attaccati al seno della segretaria. Non che le soluzioni statunitensi appaiono più serie, chissà come potrebbero regolamentare le prestazioni sessuali della stessa segretaria in vista dell'ottenimento di premi di produzione.

Approfondimenti:
Fatwa

sferoattualità

4 commenti:

Anonimo ha detto...

ciao! grazie per il commento che hai lascito, vedo che abbiamo postato la stessa notizia!
spero verrai ancora a trovarci!
http://blog.libero.it/latripladea

Certo anche in America non sono messi bene ma loro ce l'hanno con sti "contrattuare" ogni cosa, come se servisse poi!
Circe

bandolero ha detto...

x Circe: già, come se le passioni potessero essere imbrigliate dai regolamenti di ufficio...
vi tornerò a trovare molto volentieri! anzi che ne dite di linkarci a vicenda? Io vi ho già aggiunto ai miei "Intelleggere", spero non abbiate niente in contrario

Anonimo ha detto...

grazie per averci linkate...anche noi ti abbiamo linkato e torneremo a trovarti. Ma toglici una curiosita, come ci hai trovate? Circe by la tripladea

bandolero ha detto...

.. In particolare eravamo risultati vicini su una ricerca specifica su technorati, in generale i fumi di qualche pozioni mi hanno fatto invaghire del vostro delizioso weblog

; )

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...